Eurovision 2022 –  The sound of beauty

Quest’anno la kermesse canora dal respiro europeo si è tenuta proprio qui in Italia grazie alla vittoria dei Maneskin durante l’edizione del 2021. L’Eurovision nasce 66 anni fa come gara di canto, sul modello di Sanremo. A Torino, durante questa nuova edizione, sono stati Laura Pausini, Alessandro Cattelan e Mika a condurre le serate.

I partecipanti

Gli artisti in gara, ovvero 40, tra singoli e gruppi, provengono diversi paesi europei e dall’Australia. Quest’anno però è stata assente la Russia esclusa dopo lo scoppio del conflitto.

Le tre serate

La gara iniziata il 10 maggio, ovvero quella della prima semifinale ha visto contendersi il passaggio alla finale l’Albania, la Lettonia, la Lituania, la Svizzera, la Slovenia, l’Ucraina, la Bulgaria, l’Olanda, la Moldavia, il Portogallo, la Croazia, la Danimarca, l’Austria, l’Islanda, la Grecia, la Norvegia e l’Armenia. 

Nella seconda semifinale, del 12 maggio si sono esibiti: Finlandia, Israele, Serbia, Azerbaigian, Georgia, Malta, San Marino, Australia, Cipro, Irlanda, Macedonia del Nord, Estonia, Romania, Polonia, Montenegro, Belgio, Svezia e Repubblica Ceca.

Durante la finale del 14 maggio invece abbiamo visto le “Big Five” ovvero Italia, Francia, Germania, Spagna e Regno Unito, che hanno avuto accesso alla finale per scontrarsi poi con i vincitori delle due semifinali.

Gli italiani in gara

In gara, l’Italia è stata rappresentata da Mahmood e Blanco con “Brividi”, già vincitori sul palco di Sanremo. Il duo, secondo i bookmakers, uno dei favoriti, non ha regalato purtroppo una doppietta all’Italia (dopo il successo della scorsa edizione). Neanche con l’aiuto di Achille Lauro con “Stripper”, per San Marino. 

I vincitori

A gran sorpresa, ma forse non troppa, sono risultati vincitori i membri della Kalush Orchestra, rappresentanti dell’Ucraina, con la canzone “Stefania”. Il frontman Oleh Psiuk, commosso, ha ringraziato tutti per il sostegno data la grave situazione in cui il paese ucraino si trova attualmente. Nel ritorno verso casa, la band ha effettuato diverse tappe all’interno del paese, per festeggiare con i loro fan che pazientemente hanno atteso il gruppo per congratularsi dando il proprio sostegno.

The sound of beauty

Il tema dell’Eurofestival 2022 è stato “The sound of beauty”: un richiamo alla struttura simmetrica e ai modelli della cimatica, ovvero lo studio dei fenomeni delle onde sonore. Il design è stato anche influenzato dalla stessa simmetria che ritroviamo nei giardini all’italiana, come ad esempio quelli della Reggia di Venaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.