Liberati i pescatori sequestrati in Libia

Liberi i 18 pescatori di Mazara del Vallo sequestrati il primo settembre al largo di Bengasi (Libia). Per ottenere la loro liberazione, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il ministro degli Esteri Luigi Di Maio sono stati costretti a volare fino a Bengasi ieri mattina, per incontrare il capo militare dell’Est della Libia, Khalifa Haftar. I pescatori sono partiti solo questa mattina a bordo dei loro pescherecci, “Medinea” e “Antartide”, a causa di un ritardo dovuto alla necessità di caricare le batterie di una delle due imbarcazioni rimaste ferme durante i 108 giorni di prigionia. L’arrivo è previsto per domenica. L’equipaggio è composto da 18 uomini: 8 italiani, 6 tunisini, 2 indonesiani e 2 senegalesi.

Il sequestro

Il sequestro era avvenuto il primo settembre, quando i 18 marittimi a bordo dei due pescherecci erano stati fermati dalla guardia costiera di Haftar al largo di Bengasi. Inizialmente i libici avevano preso in ostaggio solo un membro dell’equipaggio per ciascuna imbarcazione, ma poi è stato ordinato a entrambi i pescherecci di seguirli in porto.

Le accuse e lo scambio

Per giorni l’accusa avanzata da parte delle autorità di Bengasi è stata quella di aver violato le acque territoriali, pescando in zone proibite perché di loro pertinenza, in base a una convenzione che prevede l’estensione della Zee (zona economica esclusiva) da 12 a 74 miglia. In seguito, le milizie di Haftar hanno inscenato un sequestro di droga a bordo di uno dei due pescherecci, con foto di pacchi misteriosi posizionati su una banchina di fronte a una delle navi. La seconda accusa è però caduta molto presto. Per settimane dopo il sequestro dei pescatori, Haftar ha richiesto la liberazione di 4 giovani libici che nel 2015 avevano fatto una traversata verso la Sicilia svolgendo un ruolo da scafisti, in cambio della liberazione dei 18 pescatori. Non è chiaro però come sia stata chiusa questa trattativa. Ciò che è sicuro è che la liberazione dell’equipaggio di Mazara si deve al “colloquio” richiesto dal maresciallo Haftar, a cui il presidente del Consiglio Conte e il ministro degli Esteri Di Maio hanno acconsentito a partecipare solo dopo essersi confrontati a lungo con il direttore dell’Aise (agenzia informazioni e sicurezza esterna).

La testimonianza

“In questi 108 giorni abbiamo cambiato quattro carceri in condizioni sempre più difficili. L’ultimo dove siamo stati era al buio, ci portavano il cibo con i contenitori di metallo. È stato davvero molto complicato: accendevano e spegnevano le luci, a loro piacimento” racconta Pietro Marrone, capitano della “Medinea”, durante il primo contatto via radio dopo la partenza dal porto di Bengasi.

L’emozione delle famiglie: “Per noi è già Natale”

“Ce l’abbiamo fatta, ce l’abbiamo fatta! Mio figlio e tutti gli altri pescatori stanno tornando. Ringrazio tutti: Conte, Di Maio, il sindaco, il vescovo, i giornalisti. Non ho parole per riuscire a esprimere tutta la felicità di una mamma e di una nonna che finalmente, dopo 108 giorni, può riabbracciare suo figlio”. Lo ha detto all’ANSA Rosetta Ingargiola, 74 anni, mamma di Pietro Marrone, che insieme a familiari, amici e colleghi dei pescatori si sono radunati davanti al Comune per incontrare il sindaco di Mazara, Salvatore Quinci. “I pescatori hanno già parlato con i loro familiari e sono a bordo dei due loro pescherecci Antartide e Medinea. Anche i loro colleghi musulmani dopo mesi sono riusciti a scambiare qualche battuta con i familiari” ha affermato Quinci.

Giulia Rugolo

Studentessa di giornalismo, MUN Director in United Network, amante di libri, musica, pattinaggio. Scrivo per respirare il cambiamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.