Premio Marketing per l’Università, vince il team della Lumsa

Leonardo Barbarino, Sara Della Canfora e Silvia Corrias sono i vincitori della 33ª Edizione del Premio Marketing per l’Università promosso dalla Società Italiana Marketing (SIM).  I tre ragazzi – studenti del corso di laurea magistrale in Marketing & Digital Communication dell’Università LUMSA – si sono classificati al primo posto, tra 600 squadre in gara. La giuria del Premio ha assegnato la seconda posizione all’Università di Pavia e la terza al Team di Milano Bicocca. La finale a tre è stata svolta online e in diretta streaming su Facebook.

Avvicinati alla Lumsa qualche giorno dopo aver ricevuto il premio, ecco quel che i tre vincitori hanno raccontato ad Aiko:

Materie plastiche e sostenibilità al centro dello studio vincente

Unionplast – Federazione Gomma Plastica ha lanciato la tematica di quest’anno. Consisteva nel cercare di valorizzare al meglio il packaging in plastica di un prodotto appartenente al mercato dei beni di largo consumo, anche dopo lo svolgimento della sua funzione primaria e in un’ottica sostenibile, al fine di gestire al meglio l’impatto dei rifiuti in plastica sull’ambiente. Il caso prevedeva anche sensibilizzazione maggiore da parte dei consumatori nell’adozione di comportamenti corretti e sostenibili dei rifiuti in plastica.

Qual è stata la soluzione pensata dal vostro Team per il progetto?

La nostra soluzione ha ad oggetto la classica crema del brand Cera di Cupra. Abbiamo pensato di progettare una nuova forma del packaging che richiama un nido d’ape, trasformandolo in un vasetto. Per allungare il ciclo di vita dell’imballaggio, abbiamo previsto di aggiungere, in regalo, dei semi da inserire all’interno del nuovo vasetto, dopo il consumo della crema. I semi diventeranno i cosiddetti fiori salva ape, ovvero tipologie di fiori che permettono di proteggere le api e la biodiversità. Abbiamo poi previsto una partnership con una startup innovativa che protegge le api in Italia, dato l’alto rischio di estinzione.

Com’è stato realizzare il progetto a distanza e durante la pandemia?

Realizzare il progetto durante la pandemia da Covid-19 non è stato semplice. Parlare intere giornate tramite delle piattaforme tecnologiche e un microfono non ha agevolato il lavoro. Ci siamo comunque impegnati al massimo e abbiamo cercato di dividerci il lavoro in modo equo. Alla fine, ci siamo abituati alla situazione e abbiamo trovato un equilibrio.

Vi aspettavate di raggiungere un risultato simile?

Non ci aspettavamo di raggiungere questo risultato, anzi non ci speravamo nemmeno. Quando abbiamo saputo di essere stati inseriti nella Top 26 delle squadre, abbiamo iniziato a crederci di più. Ma, non credevamo che avrebbero scelto proprio noi come team vincitore. Una sorpresa bella e inaspettata, che porta alle spalle tanto impegno, studio e passione, che abbiamo messo nel nostro progetto.

É stata una bellissima emozione e un’esperienza formativa che ricorderemo per sempre, oltre ad essere quel “plus” fondamentale da aggiungere alla propria carriera universitaria.

Il “caso” da affrontare per l’edizione 2022

È partita, pochi giorni fa, la 34ª Edizione del Premio Marketing in collaborazione con Ferrarelle S.p.A.

L’obiettivo, da parte dei team in gara, sarà rafforzare l’impegno promosso da Ferrarelle in termini di sostenibilità e aumentare la quota di mercato del brand del 2%, attraverso la realizzazione del Piano di Marketing.

Chiara Muresu

Mi chiamo Chiara, sono originaria della Sardegna e sono studentessa di Marketing & Comunicazione Digitale alla LUMSA. Amo tre cose, più di tutto: il mare, i gatti e la semplicità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.