La residenza universitaria: crescere in relazione

Scegliere un percorso universitario comporta affrontare un’innumerevole serie di cambiamenti, senza contare che una grandissima mole di studenti lascia la propria città natia per avventurarsi in nuove e grandi metropoli, sperando di raggiungere e di coronare i propri sogni. L’esperienza universitaria insegna proprio questo, riuscire a forgiare sé stessi, facendo i conti con differenti tipologie di esperienze dalle più facili alle più complesse. Per uno studente fuori sede, la scelta universitaria non è l’unico motivo di preoccupazione, trasferirsi in una nuova città comporta lasciare le proprie abitudini, i propri affetti, la propria casa. Diventa quindi necessario trovare un alloggio adeguato che sappia raggiunge il giusto compromesso, tra necessità universitarie ed economiche. Ciò che sembra essere l’escamotage perfetto che possa unire insieme tutti questi elementi è sicuramente una residenza Universitaria.

Cosa sono? 

Le residenze Universitarie, sono degli alloggi dotati di tutti i comfort di cui uno studente ha bisogno. L’università Lumsa fornisce ai propri iscritti, sotto previa candidatura e selezione, la possibilità di alloggiare all’interno di due strutture collocate nel cuore della zona prati di Roma. Quante volte abbiamo guardato centinaia di film americani, sognando di vivere in una di quelle residenze universitarie gremite di giovani pieni di vita. Ciò che non ci fanno vedere nei film, è quanto possa essere dinamica la vita all’interno di una residenza.

I suoi punti di forza

Vivere la residenza ha il suo perché, non è la classica casa di uno studente fuori sede con tre o quattro coinquilini, la residenza ospita molti più studenti e chi ama fare amicizie e mettersi in gioco avrà la grande occasione di conoscere molte persone interessanti, tutte provenienti da paesi e città diverse. Uno studente avrà quindi l’opportunità di confrontarsi sulle tematiche più disparate, divertendosi in attività che magari non aveva mai preso in considerazione. Inoltre avrà la possibilità di temperare il proprio carattere mettendosi quindi alla prova, dalla semplice organizzazione per l’utilizzo degli elettrodomestici che vengono messi a disposizione come il forno o le lavatrici , al fondamentale rispetto delle regole di comune convivenza.

La residenza universitaria sprona anche le personalità più chiuse al rapporto con l’altro, con continue sollecitazioni, dettate anche dagli ambienti condivisi come la cucina, le aule studio, la palestra o la sala relax. Non capitano mai giornate in cui, un soggetto che vive in residenza possa in qualche modo non percepire la presenza di altri individui con la quale può non solo condividere momenti ma anche idee e feedback sulla vita in generale.  

Le attività 

La Residenza prima del Covid-19 offriva numerose attività di interazione con il prossimo, dalle gite di istruzione alle attività legate al cineforum; per il nuovo anno accademico sono già state proposte alcune attività formative nella speranza di poter tornare ai vecchi regimi.

Perché è la giusta scelta?

La Residenza Universitaria è l’esperienza giusta per tutte quelle personalità che vogliono davvero mettersi in gioco, abbattendo qualsiasi tipo di stereotipo verso sé stessi e verso il prossimo. È un’esperienza di vita altamente formativa, quindi se siete desiderosi di immergervi in una tipologia differente di convivenza, avete voglia di mettervi in gioco e di affrontare anche qualche piccola difficoltà legata all’aspetto conviviale in un percorso propulsivo di crescita, la residenza Universitaria è la soluzione perfetta per voi. 

Giorgia Rita Pergolizzi

Sono una studentessa di psicologia forense, sono molto curiosa mi piace scoprire l'ignoto e andare oltre le apparenze che spesso ingannano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.