Kamala Harris, presidentessa USA per 80 minuti

Kamala Harris, vicepresidente degli Stati Uniti d’America, è stata presidentessa per 80 minuti nella giornata del 19 novembre. L’occasione si è presentata a causa di un’operazione a cui si è dovuto sottoporre il presidente Biden. Sebbene la presidenza Harris sia durata solo 80 minuti è stata la prima volta in cui una donna, nera, ha rivestito questo ruolo. 

I casi precedenti

Negli ultimi vent’anni sia il presidente Bush, sia il presidente Trump si sono sottoposti alla stessa procedura: il primo nel 2002 e nel 2007, cedendo i suoi poteri al vicepresidente Cheney, il secondo nel 2019, senza però rendere pubblica l’operazione in quanto l’ex presidente temeva di poter essere oggetto di scherno in tv (questo secondo la ex portavoce di Trump stesso).

Nella costituzione americana

Il passaggio di consegna è stato possibile grazie al 25° emendamento, sezione 3, della Costituzione degli Stati Uniti d’America, in cui si prevede il trasferimento volontario di funzioni tramite una dichiarazione del Presidente in carica. Nel caso di Biden il trasferimento è avvenuto attraverso due lettere che il presidente ha mandato alla speaker della Camera Pelosi e al rappresentante del Senato Leahy. Altre due lettere analoghe sono state inviate quando Biden ha ripreso conoscenza e pieno possesso dei suoi poteri.

Nella costituzione italiana

La stessa situazione viene trattata anche nella nostra Costituzione. L’art. 86 recita infatti: “Le funzioni del Presidente della Repubblica, in ogni caso che egli non possa adempierle, sono esercitate dal Presidente del Senato. In caso di impedimento permanente o di morte o di dimissioni del Presidente della Repubblica, il Presidente della Camera dei deputati indice l’elezione del nuovo presidente della Repubblica entro quindici giorni, salvo il maggior termine previsto se le Camere sono sciolte o manca meno di tre mesi alla loro cessazione.”

Primo e secondo comma dell’articolo individuano due fattispecie differenti che conducono a due conseguenze: l’impedimento temporaneo, a cui segue soltanto la supplenza (a questa fattispecie è ricondotta l’ipotesi di infermità momentanea come nel caso Biden) e l’impedimento permanente, a cui segue la supplenza e l’elezione di un nuovo presidente. 

Un primo passo verso il futuro?

Sebbene la presidenza Harris sia durata 80 minuti, non possiamo davvero considerare questa “sostituzione” come il momento in cui gli USA hanno avuto la prima presidentessa, ma potrebbe essere  un preludio a una scelta futura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.